Benvenuti a bordo

Mi presento. Non sono più nella languida fascia di età dei ventenni e neppure dei trentenni. Counselor a orientamento psicosomatico, scrivo da quando non ero neppure un’adolescente. Scrivere è stato da sempre per me come il mare per i marinai (e adoro anche il mare), ho pubblicato come self publishing un romanzo “Tra mare e cielo” e un saggio con Minerva Edizioni, “Namastè per volersi bene”.

I miei libri sono adorati da amici, amici degli amici, professori universitari, artisti, colleghi scrittori, lettori che se ne innammorano. Sono disponibili in tutte le librerie d’Italia (Feltrinelli, Mondadori, Ibs) ma per le presentazioni in queste grandi catene.. bisogna essere amici ..dei direttori!

Visto che “….da contratto, è l’autore che deve interessarsi della promozione”, per quanto sorpresa e con la sensazione di essere sola in un mare troppo grande, ho parlato direttamente con i responsabili della Feltrinelli, della Mondadori, dell’IBS, presentandomi come autrice con alla spalle una grande, nazionale Casa Editrice.

In queste enormi Catene dei libri, ho avuto la disponibilità soltanto da parte dell’Ibs di Via Nazionale a Roma, con la quale ero in verità in ottimi rapporti per aver, l’anno prima, rivestito il ruolo di “agent” per uno dei più grandi autori internazionali, Sergio Bambarén, autore di best sellers, tra i quali il celebre romanzo “Il delfino”.

Per quanto riguarda le altre, ho ricevuto, invece, sempre la stessa, scivolosa, scontrosa risposta: “..Noi presentiamo esclusivamente i libri già cotti e mangiati.”

Ah.

L’espressione è inelegante e irrispettosa.

Questo blog nasce con l’intento di far diventare il mio saggio e il mio romanzo self publishied, non “cotti e mangiati”. Ma finalmente conosciuti da una vastità infinita di lettori, artisti, liberi pensatori, persone intelligenti, esseri umani autentici

Vi voglio bene anticipatamente*

Mariateresa Ruocco Conte Sagara

Oro nascosto

Non è come si pensa da adulti. L’essenza delle cose si affaccia (a volte) alla nostra comprensione in età più matura ma questo non accresce, in via conseguenziale, la nostra saggezza.

Certamente se ritieniamo che la saggezza equivalga a un maggior senso del dovere, a un atteggiamento più serio e distacccato, spesso freddo e disincantato nei confronti di noi stessi e del mondo, potremmo finir per credere di essere diventati più evoluti e adulti.

Analizzando in questi anni me stessa, le persone intorno, i cosiddetti “adulti”, ho dovuto accettare che..quasi nessuno “sa” diventare adulto. Ci configuriamo, più o meno apertamente, in una programmazione culturale e sociale e tranne rare eccezioni, si finisce per non rendersi più conto di quanto ci siamo allontanati dal benessere e dai valori più autentici dell’esitenza.

-Ma sentite come descrivo un adulto reale nel mio saggio “Namastè per volersi bene”-Guida per guarire il tuo corpo e la tua anima:

-è’ autosufficiente

-è responsabile e artefice del proprio benessere

-è soddifatto/a di sè

-rispetta se stesso

-è libero

-è consapevole

-è in contatto con la propria spiritualità

-è in contatto con la vitalità del proprio corpo

-sostiene la libertà ed evoluzione dell’altro

-ama dal profondo di sè stesso e sa ricevere con gioia

-non ha aspettative o pretese nei confronti dell’altro

-sa accettarsi completamnete nella luce e nelle ombre

-accoglie completamente l’altro nella luce e nelle ombre

-sa abbracciare generosamente

-sa ridere e giocare

A quante di queste qualità di adulto reale avete risposto ?

Fatemi sapere qui sotto o scrivendomi a:scrittricesoprailmar@libero.it

MT R.C. S